Francesca Bertazzo Hart: l’importanza dell’“interplay” nella musica (e nella vita)

Tempo di lettura: 3 minuti
Francesca Bertazzo Hart Jazz Venezia

Il jazz è un genere musicale nel quale l’interazione che si crea tra i musicisti, il cosiddetto “interplay”, assume un ruolo cardine nell’esecuzione e nell’evoluzione di un brano. Ma cosa c’è dietro quella potente e coinvolgente intesa, dietro quel gioco di sguardi, ritmi, melodie e armonie che si intrecciano, innalzando a livello esponenziale la qualità della performance musicale?

Il duo protagonista di “Women for Freedom In Jazz”

Nel caso del duo formato della cantante Francesca Bertazzo Hart – protagonista di “Women for Freedom In Jazz: voci dal mondo delle donne, per le donne” giovedì 26 agosto alle 20.30 sulla terrazza panoramica dell’Hotel Carlton On The Grand Canal – e del contrabbassista Beppe Pilotto, c’è del talento innato e ci sono molti anni di paziente studio, di ricerca e di esperienza in America con i più grandi esponenti della scena jazz mondiale. Ma c’è di più: c’è un feeling raro, derivante dal fatto che i due musicisti sono compagni anche nella vita.

Lei è unica. Il suo senso dello swing, la sua sensibilità interpretativa, la sua abilità nell’accompagnarsi suonando divinamente la chitarra non sono comuni per una cantante. Tanto che, quello con il talentuoso contrabbassista, più che un duo, può essere considerato un trio. Beppe Pilotto, allievo del celebre Cameron Brown, si è distinto nei più importanti festival internazionali per la sua capacità di supporto ritmico e armonico e per la sua innata propensione allo swing.

L’esperienza di New York

Uno dei frutti più maturi e coinvolgenti della profonda intesa di questa coppia è il disco “The Teaneck Session” (Caligola Records), registrato a New York, composto da brani tutti riarrangiati dalla Bertazzo, che ha visto la partecipazione di due leggende della musica jazz: il pianista George Cables e il batterista Steve Williams. Ma ogni loro performance dal vivo è sempre sorprendente e irripetibile.

L’ingresso  al concerto di giovedì 26 agosto all’Hotel Carlton è con prenotazione e cena obbligatorie, senza maggiorazioni (tel. 0412752200 o info@carltongrandcanal.com), scegliendo tra le specialità del menu alla carta del Ristorante La Cupola, oppure approfittando dell’offerta speciale che l’Hotel Carlton ha riservato solo a questa iniziativa: un piatto a scelta tra quelli del giorno più contorno, dolce, acqua, un calice di vino e caffè a 30 euro. Essendo un evento all’aperto, non è richiesto il Green Pass, a meno che non ci si sposti negli spazi interni del Ristorante La Cupola per il maltempo.

QUI trovate tutte le informazioni relative alla rassegna di musica e solidarietà Women for Freedom in Jazz, che sostiene l’organizzazione umanitaria Women for Freedom.