Il Messico a Venezia con Jennifer Cabrera Fernandez

Tempo di lettura: 3 minuti
JENNIFER Cabrera
Giovedì 12 agosto alle 20.30, sulla terrazza panoramica dell’Hotel Carlton On The Grand Canal di Venezia, un viaggio con l’artista messicana più conosciuta in Italia
In questo periodo in cui viaggiare è più complesso, basterà venire a Venezia per fare un tuffo, per una sera, tra i colori, la magia, le sonorità e i sentimenti del Messico e del suo popolo. Sarà Jennifer Cabrera Fernandez, l’artista messicana più conosciuta in Italia, a trasportarvi nel suo mondo variopinto, come solo lei è capace di fare, giovedì 12 agosto alle 20.30, sulla terrazza panoramica dell’Hotel Carlton On The Grand Canal, nell’ambito della maratona di concerti e solidarietà Women for Freedom In Jazz.
Etnocoreografa, cantante e performer, Jennifer Cabrera Fernandez, insieme al chitarrista peruviano David Soto e al veneziano Alvise Seggi al contrabbasso e violoncello, presenterà in questa occasione il progetto “México y Cielo”, un’esperienza unica della tradizione messicana, dai pezzi tradizionali ai boleros, arrivando alla sconosciuta influenza africana.
Da quest’anno ambasciatrice per la Pace delle 68 lingue materne e popoli afromessicani, già prima ambasciatrice culturale della sua regione di origine, il Totonacapan, ha ottenuto diversi riconoscimenti: la targa del Consolato del Messico per la diffusione della cultura messicana in Italia, la nomina di Figlia Prodiga per le qualità artistiche e umane, e la consegna delle Chiavi della Città dal primo cittadino di Cazones de Herrera, Veracrúz.
Ma anche, lo scorso febbraio, il “Bastón de mando”, che simboleggia la massima autorità, sia spirituale che politica, di chi lo detiene all’interno del sistema di organizzazione della comunità: «La veste di ambasciatrice – racconta l’artista – arriva dopo tanti anni di ricerca antropologica e soprattutto per la cristallizzazione delle tre radici messicane in un progetto artistico multietnico. Per me il “Bastón de Mando” è un regalo divino, ma anche una grandissima responsabilità: ho pensato bene prima di accettarlo perché so cosa comporta: soprattutto un legame spirituale con 25 milioni di persone che sono parte dei popoli originari e il mantenere sempre vivo il sacro fuoco delle radici».
L’ingresso  al concerto è con prenotazione e cena obbligatorie, senza maggiorazioni (tel. 0412752200 o info@carltongrandcanal.com), scegliendo tra le specialità del menu alla carta del Ristorante La Cupola, oppure approfittando dell’offerta speciale che l’Hotel Carlton ha riservato solo a questa iniziativa: un piatto a scelta tra quelli del giorno più contorno, dolce, acqua, un calice di vino e caffè a 30 euro.
QUI trovate tutte le informazioni relative alla rassegna di musica e solidarietà Women for Freedom in Jazz, che sostiene l’organizzazione umanitaria Women for Freedom.