/

Umoristi a Marostica celebra i suoi 49 vincitori

In mostra al Castello Inferiore la storia del concorso internazionale di grafica umoristica

Tempo di lettura: 3 minuti
Fabio Magnasciutti

Sorridere aiuta a vivere meglio, allontana lo stress, concilia il sonno, riduce il colesterolo e aiuta l’intestino. Se poi lo stimolo per sorridere arriva dall’arte, spingendo anche alla riflessione, ne trae vantaggio pure il cervello.

Questo è il primo motivo (e non è poco) per andare a visitare la mostra “I vincitori di 49 edizioni di Umoristi a Marostica”, in esposizione al Chiostro del Castello Inferiore di Marostica dal 22 maggio al 20 giugno. Il secondo è che, appunto, non è una mostra qualsiasi: è dedicata sì agli “Umoristi” e a quel concorso conosciuto in tutto il mondo che conta ben 49 edizioni, ma raccoglie le opere dei vincitori di ogni edizione, proponendo così una carrellata della grafica umoristica internazionale e, allo stesso tempo, della storia del concorso che ha visto la partecipazione dei più importanti cartoonist, illustratori e grafici del mondo.

Tra i temi suggeriti dalla giuria e indagati dagli artisti selezionati dal concorso in questi anni, c’è di tutto un po’: poesia, attualità, vizi e virtù della contemporaneità, sentimenti, pensieri ed emozioni.

“Da quando è nato il concorso ad oggi – spiegano i promotori del Gruppo Grafico Marosticense – la realtà sociale, italiana ed internazionale, è profondamente cambiata. Era il 1969 quando un gruppo di studenti universitari, sulla scia dei movimenti del Sessantotto, propose una manifestazione di “denuncia” non con cartelli di protesta, ma con vignette umoristiche. Scelsero la grafica nella convinzione che fosse un linguaggio internazionale adatto a superare le barriere politiche, linguistiche e culturali. Ci aggiunsero l’umorismo che per loro voleva dire non far ridere e basta, ma soprattutto fare riflettere, lanciando spesso un messaggio critico sull’esistenza. Nel corso del tempo la qualità delle opere, l’onestà d’intenti, la serietà e la qualità della giuria, la libertà delle scelte tematiche, l’indipendenza da strategie politiche e commerciali nonché la passione dei componenti del gruppo hanno fatto sì che il concorso, dal 2014 divenuto biennale, si sia imposto tra i più importanti in Italia e all’estero e che sia ancora molto apprezzato da artisti di tutto il mondo».

L’inaugurazione è prevista per sabato 22 maggio alle 17. È a ingresso libero e in questa occasione verrà svelato anche il tema del concorso del prossimo anno. L’esposizione sarà visitabile dal 22 maggio al 20 giugno di venerdì, sabato e domenica, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Informazioni più dettagliate sono disponibili sul sito www.umoristiamarostica.it.