La nuova Jesurum, storia di merletti e biancheria di lusso

Tempo di lettura: 5 minuti
Jeserum

Il più antico e famoso marchio veneziano di biancheria di lusso per la casa ha una nuova proprietà. A rilevare la storica manifattura Jesurum sono stati la nota coppia di imprenditori: Paola Cimolai, discendente della dinastia pordenonese dell’acciaio, che sarà presidente e ad dell’azienda, e Filippo Olivetti, ad di Bassani Group (società leader in Italia nei settori dei servizi turistici). Nella nuova avventura imprenditoriale anche la sorella Carla Cimolai.

jeserum

Jeserum, una storia nata nel 1870

Jesurum nasce a Venezia nel 1870 per volontà di Michelangelo Jesurum. Inizia nell’Ottocento come laboratorio di merletto e grazie all’eccellenza dei suoi manufatti raggiunge un successo internazionale. Le sue collezioni conquistarono il mercato del lusso in tutto il mondo. Nel 1929 si aggiudica il prestigioso Gran Premio all’Esposizione Internazionale di Barcellona. Nei suoi oltre 145 anni di storia Jesurum ha creato le sue collezioni esclusive in Italia puntando ai più alti standard di lavorazione artigianale. I suoi ricami e corredi erano ambiti dall’aristocrazia europea. L’azienda veneziana divenne il fornitore ufficiale della casa reale italiana. Numerosi i divi del cinema e i nomi del jet set internazionale e della politica che negli anni hanno scelto i suoi tessuti per arredare le proprie dimore, da Paul Newman a Elizabeth Taylor, da Henry Fonda a Henry Kissinger passando per sultani ed emiri.

 

merletto jeserum

“Vogliamo continuare a sviluppare, ampliare, espandere questo brand carico di fascino e storia, qualità e made in Italy – spiega Paola Cimolai –. Ho un legame affettivo molto forte, perché il marchio era stato acquisito da mia zia che lo ha rilanciato aprendo un negozio monomarca e lavorando con una clientela esclusiva”. Paola Cimolai è stata per 7 anni amministratore delegato in Cimolai, 5 anni direttore commerciale in Permasteelisa Nord America e quindi, rientrata in Italia, direttore commerciale del gruppo Mobil Project, uno dei principali general contractor nel settore degli alberghi e negozi di lusso.

L’Europa il mercato principale

Jesurum è oggi presente a New York, Beverly Hills, Mosca e a breve in Ucraina. Altri punti vendita in Europa sono Parigi, Montecarlo, Cannes, Atene. In Italia è invece presente a Milano, Firenze, Genova, Pescara, Sorrento. Poco meno dell’80% del business è custom e i mercati principali sono quello del Medio Oriente, Russia, Stati Uniti, UK. Circa un 30% del business custom proviene dal settore dei mega yacht, su Jeserum vuole continuare a puntare e a crescere come quota di mercato.

“Siamo consapevoli che il lusso, per essere definito tale deve essere sostenibile, rispettando le persone e l’ambiente – afferma Carla Cimolai –. Un prodotto di alta gamma, artigianale come il nostro va oltre il concetto consumistico di moda fast. In pratica non passa mai di moda dal punto di vista estetico e impatta sull’ambiente molto meno di altri che hanno un ciclo di vita brevissimo. Inoltre utilizziamo fibre naturali come lino e cotone che valorizzano l’esecuzione artigianale, a testimoniare la sapienza centenaria e il know how delle nostre ricamatrici e la profonda conoscenza di tessuti e filati, nel rispetto sempre della salute del cliente e dell’ecosistema”.

merletto

“Sviluppo di collaborazioni e partnership per Jesurum”

“Stiamo guardando a 360° – dichiara Filippo Olivetti-, per trovare nuovi mercati che possano essere appetibili e a misura per il nostro brand. L’azienda è passata di proprietà a fine marzo ed è già al lavoro a pieno ritmo sullo sviluppo di una nuova collezione “mare e montagna” dedicata alle seconde case. La strategia per i prossimi 5 anni è molto articolata e mira allo sviluppo delle collaborazioni e delle partnership su vari fronti. Oltre all’importante progetto di strutturare la produzione al fine di poter entrare, con una linea dedicata, nei settori alberghiero e crocieristico nel segmento del lusso”.