/

Italy is art – l’Italia è arte. Ecco la “Netflix della cultura”

Tempo di lettura: 2 minuti

È apparsa in rete la home page di “ItsArt”, la cosiddetta “Netflix della Cultura” che il MiBact, a guida Dario Franceschini, ha deciso di realizzare in partnership con Chili.

ITsArt nasce da un concetto semplice e immediato che è al cuore del progetto: ‘Italy is art’ (l’Italia è arte). Denominazione che esprime la proiezione internazionale dell’iniziativa e, nel contempo, lo stretto legame tra il nostro Paese e l’arte. Anche nei colori del logo “ITsART” richiama l’italianità, ispirandosi al nostro tricolore. Il punto davanti a IT, che ricorda l’estensione ‘it’, indica la proiezione italiana sul web, sottolineando la visione digitale del progetto.

Ma che cos’è, di fatto, ItsArt? ItsArt è il nuovo palcoscenico virtuale per teatro, musica, cinema, danza e ogni forma d’arte, live e on-demand, con contenuti disponibili in Italia e all’estero: una piattaforma che attraversa città d’arte e borghi, quinte e musei per celebrare e raccontare il patrimonio culturale italiano in tutte le sue forme e offrirlo al pubblico di tutto il mondo.

L’idea è nata in piena emergenza Covid, durante il primo lockdown, con l’obiettivo di garantire una più ampia fruizione dell’offerta artistica e culturale italiana anche al di là dei confini nazionali.

Il progetto, anche se davvero interessante e ambizioso, non è stato libero da polemiche basate principalmente sulla scelta del partner tecnologico e sulla mancanza di un bando pubblico.
In particolare si è molto discusso sulla legittimità di un’operazione che escludesse la Rai da questo tipo di offerta al pubblico.

L’operazione dovrebbe vedere la luce grazie alla partecipazione di Cassa Depositi e Prestiti al 51% con un investimento pari a nove milioni di euro, al 50% con Chili, che però sarebbe partner di minoranza al 49%. A ciò andrebbe aggiunta la partecipazione del MiBact che entrerebbe nell’operazione con 10 milioni di euro dal Recovery Fund. Ancora poco chiare, infine, le tariffe e la distribuzione dei proventi tra le varie parti coinvolte.