Venezia è un pesce. Una guida nuova

Tempo di lettura: 2 minuti

Esce oggi, a un anno (era il 12 novembre 2019) dalla devastante marea che ha messo in ginocchio la città, la nuova edizione rivista, ampliata e aggiornata del celebre libro dello scrittore veneziano Tiziano Scarpa. “Venezia è un pesce – Una guida nuova” (Feltrinelli, 192 pagine, 16 euro). Un grande classico per smarrirsi e bighellonare nel labirinto della città lagunare. A vent’anni dalla prima edizione si rinnova, perché nuovi tragitti dei sensi sono divenuti possibili.

Venezia è uno strano modo di stare al mondo, ancora prima di essere una città anomala ed enigmatica. Questa realtà urbanistica così bizzarra è in verità una strategia per inventare da capo l’esistenza. Per capirla si deve toccarla, annusarla, sentirla con tutti gli organi. Ciascun organo del corpo e dell’anima la vive secondo la sua attitudine, ne è abbagliato, contrariato, disorientato o assuefatto. Bisogna ascoltarli tutti. A vent’anni dalla prima edizione, questo classico si rinnova, perché nel frattempo nuovi tragitti dei sensi sono divenuti possibili. Dai livelli eccezionali dell’acqua alta che ha sommerso quasi tutta la superficie della città all’acqua deserta e trasparente della quarantena, qualcosa si è trasformato ed esistono itinerari fisici, spirituali ed emotivi ancora da scoprire. Tiziano Scarpa ci fa strada attraverso le trame, le peripezie e le avventure sensitive e sentimentali che solo a Venezia possono accadere. I capitoli di questa guida ritornano ad ascoltare i piedi, le gambe, il cuore, le mani, il volto, le orecchie, la bocca, il naso e gli occhi e per la prima volta inseguono le sensazioni della pelle.