Libri: “Memorie della foresta” di Damir Karakas

Tempo di lettura: 1 minuto
Damir Karakas
Damir Karakas

In questi tempi sempre più urbani e tecnologici, c’è un rinascimento di voci che arrivano dalle foreste del mondo, e che ci parlano di torrenti, di capanne, di campi, di cieli e di stagioni. Queste voci si chiamano l’una con l’altra come fanno i lupi che vagabondano per le valli e alzando il muso alla luna si cercano, si ascoltano, si riconoscono. La voce di Damir Karakas ci arriva nitida, è l’ululato di uno di quei lupi dell’Est che dopo aver fatto tanta strada sono tornati sulle Alpi. Ed è la benvenuta. – Paolo Cognetti

Damir Karakas, “Memorie della foresta”

Trentatré capitoli che seguono la maturazione del protagonista, un ragazzino con un misterioso problema al cuore, che vive in un villaggio della Lika, nella profonda provincia balcanica. Sono gli anni Settanta e la sua è una famiglia patriarcale e rurale che abita ai margini di una foresta abitata dall’orso. È un libro sulla famiglia, con medici costosi e veterinari che, se necessario, curano anche le persone, sulle credenze e le stregonerie dei villaggi, su vecchi cattivi e misteriose vecchiette, sulla vita dura dei monti. Le emozioni? Non vengono mostrate, devono essere nascoste, soppresse, ingoiate. Finché non esplodono.

EDITORE: Bottega Errante
PREZZO: 15,00 euro
PAGINE: 144
ISBN: 9788899368845