Addio ad Ennio Morricone, il Maestro delle colonne sonore

Tempo di lettura: 1 minuto

Addio ad Ennio Morricone.L’ultima volta la sua musica aveva abbracciato i canali di Venezia dai balconi del Gritti Palace, Venezia qundo 25 studenti, in parte affacciati alle finestre dell’albergo e in parte disposti sulla terrazza sottostante, diretti dal maestro d’orchestra Francesco Erle, avevano suonato i diversi brani di Ennio Morricone, Leone d’Oro alla Carriera alla Mostra del Cinema Venezia subito dopo la fine del lockdown

Oggi tutto il mondo saluta il Maestro sulle note delle sue stesse indimenticabili colonne sonore. Simbolo unico e straordinario di una carriera altrettanto unica.

Il Morricone nei giorni scorsi era incappato in una banale caduta. Ricoverato in una clinica di Roma non è purtroppo sopravvissuto alle conseguenze della frattura del femore.

Diplomato in tromba al Conservatorio di Santa Cecilia, a Roma, ha scritto musiche per più di 500 film e serie TV. È diventato famoso per le colonne sonore dei western all’Italiana. E poi Hollywood… Nel 2016 ha vinto l’oscar con Quentin Tarantino e le partiture di The Hateful Eight; nel 2007 aveva vinto l’Oscar onorario. Non molti ricordano invece che ha scritto brani come Sapore di sale, Se telefonando, e i successi di Edoardo Vianello.

.