Verona: Museo della Radio, dal tour virtuale alle visite gratuite museali

Tempo di lettura: 3 minuti
Museo della Radio

Continuano le iniziative al Museo della Radio a Verona, presso Porta Vescovo. Già ad aprile, il mese dedicato a Guglielmo Marconi, l’associazione aveva presentato il tour virtuale completo degli spazi di Porta Vescovo. Proprio in pieno lockdown, arrivava la coincidenza con la data di nascita di Guglielmo Marconi, il 25 aprile.

Nonostante le grosse difficoltà in vista, il museo punta al futuro proponendo un bellissimo e particolareggiato tour virtuale a 360 gradi, navigabile anche oggi dal sito. Si possono percorrere tutti gli spazi di Porta Vescovo, soffermandosi su dettagli e video dei protagonisti.

“Il museo offrirà gratuitamente, con enormi sforzi economici volti all’amore per la cultura e la nostra splendida città, un percorso espositivo di primissimo livello”. Lo spiega il presidente e curatore Francesco Chiantera. In aggiunta, “eventi virtuali, dibattiti, tutto in formato digitale e proiettato alla comunicazione.”

Il museo della radio inoltre, ha appena concluso il Concorso Fotografico VR900 mettendone a disposizione in modo permanente i risultati. Il concorso ha la come filo conduttore la comunicazione a Verona ai tempi del coronavirus. Ed oggi offre una visita museale gratuita, comunque con un minimo di 10 persone, prenotandosi al 3890246630.

Per questo, vi segnaliamo anche il progetto “Salva il tuo ristorante preferito”, realizzato con il sostegno dell’Assessorato al Commercio del Comune di Verona. La campagna di donation crowdfunding ha infatti due obiettivi: aiutare la riqualificazione di Porta Vescovo, riconosciuto bene storico culturale della città di Verona. E contemporaneamente far avere liquidità in tempi brevi al “tuo ristorante preferito”. Come? Ricevendo un voucher per una cena al tuo risortante preferito dal termine della campagna. Scopri come partecipare, qui.

Facciata Porta Vescovo, Verona
Facciata Porta Vescovo, Verona

Nel frattempo il 19 giugno, all’interno di VR900, si è svolto il primo incontro pubblico post-Covid dedicato alla Lirica Veronese. Presentato da Alberto Chiantera, massimo collezionista Italiano di grammofoni e cimeli lirici di tenori e soprani veronesi, si è svolto nel massimo rispetto delle norme sanitarie. I temi trattati: Zenatello, opera e lirica. Il tutto ascoltando, da grammofoni ultracentenari, la voce di colui che ha reso Verona famosa nel mondo.

Il prossimo appuntamento? Mercoledì 24 giugno 2020, alle ore 10, in Porta Vescovo il corner internamente dedicato al giornalista ed attore Roberto Puliero, scomparso lo scorso 18 novembre. Puliero era amata e compianta figura del mondo sportivo e culturale veronese. L’entrata al museo è libera, l’invito a partecipare è esteso a tutta la cittadinanza, previo accesso contingentato all’interno.

Roberto Puliero, Foto Discogs

Il progetto di riqualificazione

VR900 è il contenitore culturale del Museo della radio, volto alla riqualificazione e alla riconsegna ai cittadini della Porta Vescovo abbandonata da decenni. L’associazione “Museo della Radio” ha infatti presentato all’amministrazione comunale un progetto concreto per riqualificare il sito. Restituendo così dignità e fruizione pubblica a quello che è Patrimonio Unesco nella città di Verona.