L’Europa uccisa dal Coronavirus, Conte senza freni alla Bild spiega che l’Italia è pronta a fare da sola

Tempo di lettura: 1 minuto
Funerale dell'Europa Conte e ursula von der lyen
Funerale dell'Europa Conte e ursula von der lyen

L’Europa uccisa dal Coronavirus: “chiedo un ammorbidimento delle regole di bilancio altrimenti dobbiamo fare senza l’Europa e ognuno fa per sé”.

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte in una intervista alla Bild chiarisce la posizione dell’Italia e celebra il funerale dell’Europa unita. “Non dobbiamo alla fine starcene lì con le mani incrociate: operazione riuscita, ma il paziente Europa è morto” dice conte citando un celebre motto chirurgico che dice, per chi lo ricorda, l’operazione è tecnicamente riuscita, il paziente è deceduto.

“La delusione non è mia, di Giuseppe Conte, la delusione è di tutti gli europei, anche dei cittadini tedeschi, ne sono convinto. Nessuno ha un vantaggio se l’Europa non riesce a mettere in piedi una reazione concreta e solida, qui non si tratta di Italia. Non abbiamo mai vissuto una situazione d’emergenza di questo tipo perciò sono i cittadini europei che si aspettano una soluzione europea”.

Intanto, sul tema l’Europa uccisa dal Coronavirus,  meeting a Palazzo Chigi tra il premier Conte, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, il veneto Riccardo Fraccaro. Tra i temi al centro dell’incontro l’inutile Eurogruppo sul tema Coronavirus.

Cosa si intende per Coronavirus? La risposta del Ministero della Sanità.

I Coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi.  La Sindrome respiratoria mediorientale detta MERS, e la Sindrome respiratoria acuta grave nota come SARS, sono un esempio.

Negli anni Sessanta sono stati identificati i primi coronavirus. L’uomo ed alcuni animali, inclusi uccelli e mammiferi, sono infettabili dal virus. Interessnate osservare che le cellule bersaglio primarie sono quelle epiteliali del tratto respiratorio e gastrointestinale.