Coronavirus: anche il Capo della Protezione Civile ha la febbre, intanto diminuiscono i contagi

Tempo di lettura: 1 minuto

I numeri sono arrivati anche questa serasera. L’indicazione è ancora quella di stare a casa.Complessivamente 57.521 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 3.491. Martedì l’incremento era stato di 3.612. Quindi la crescita è minore.

Ma non cantiamo vittoria. Anzi bisognerà stringere i denti ancora.Sono complessivamente 7.503 le vittime, con un aumento rispetto a ieri di 683. Martedì l’aumento era stato di 743. Il dato è stato reso noto dalla Protezione Civile.Per il quarto giorno consecutivo cala il numero di nuovi positivi al coronavirus in Italia: oggi sono 3.491 mentre ieri erano stati 3.612, lunedì 3.780 e domenica 3.957. Il numero delle vittime è oggi di 683, con un calo rispetto a ieri quando erano state 743, mentre lunedì l’aumento era stato di 601.

“Viviamo una fase di apparente stabilizzazione e crediamo che il numero dipersone infette sia coerente con il trend che la diffusione ha avuto nel paese: questo ci fa pensare che è indispensabile, se vogliamo vedere la curva stabilizzarsi e poi decrescere, mantenere le rigorose misure di contenimento e di distanziamento sociale”. Così il vice direttore della Protezione Civile Agostino Miozzo.

Assente Angelo Borrelli, capo della Protezione civile, che oggi ha accusato sintomi febbrili mentre era in corso il comitato operativo.