La Luna. E Poi? Un viaggio spaziale durante le feste natalizie fino alla Luna e oltre, in una mostra a Milano

Tempo di lettura: 4 minuti

Periodo di feste natalizie e Babbo Natale sfreccia sui cieli sopra le nostre case a distribuire doni per i più piccini e noi lo ricordiamo sempre con una particolare tenerezza e nostalgia. Ma se vogliamo guardare un po’ più in là, possiamo soffermarci sullo spazio e sulla Luna, altrettanto romantica e piena d’atmosfera visitando la mostra La Luna. E Poi? in occasione del 50° anniversario dello sbarco sulla Luna, dove sarà esposta perfino una rarissima pietra lunare prestata per l’occasione dalla associazione Asimof (Associazione Italiana Modelli Fedeli) per conto della Nasa.

Non parliamo delle magiche slitte o delle simpatiche renne volanti, ma di qualcosa di più tecnologico, tuttavia ugualmente affascinante e sempre attuale che continua ad appassionare anche i piccini. Modelli in scala, dunque, tute spaziali, reperti unici, accurate ricostruzioni, memorabilia, locandine cinematografiche, buste con francobolli commemorativi, documenti originali, manuali di volo, giornali dell’epoca, videoproiezioni, che formano un percorso su oltre 1000 metri quadri lungo più di 100 anni. Tutto questo nell’area dedicata alle Missioni Apollo. Un lungo e affascinante viaggio alla scoperta della storia e dell’evoluzione dell’esplorazione spaziale, dalle visioni pionieristiche dei primi scienziati all’imminente conquista di Marte, passando per la storica conquista del suolo lunare dai primi lanci all’allunaggio nel 1969 e alle successive missioni.

50 anni fa ci fu il primo sbarco dell’uomo sulla Luna, nel luglio del 1969, non è stata solo un’impresa tecnico scientifica straordinaria, ma un momento che ha trasformato il presente in futuro. “Un piccolo passo per l’uomo, un balzo gigantesco per l’umanità ”. Questa è la celebre frase del primo astronauta sulla Luna, Neil Armstrong, rimasta scolpita nelle nostre menti, mentre scendeva l’ultimo gradino della scaletta del Modulo Lunare che gli permetteva di raggiungere la superficie selenica.

Lo story telling della mostra è particolare, ed è incentrato ampiamente su una dimensione esperienziale attraverso realtà aumentata: si può infatti sperimentare con postazioni di realtà virtuale la prima passeggiata spaziale della storia, compiuta nel 1965 dal cosmonauta russo Leonov, provare la sensazione di essere lanciati verso la Luna sul Saturn V, capire cosa significa vivere e lavorare in una casa permanente nello spazio, la ISS. Se volete continuare la vostra esperienza spaziale una volta tornati a casa vostra, vi consigliamo di recuperare il DVD The Space Movie, del regista inglese Tony Palmer, che si abbina perfettamente alla visita di questa esposizione. Il DVD contiene oltre un’ora di filmati originali della Nasa dal 1962 al 1972, che mostrano gli astronauti in orbita e tutte le missioni effettuate (con le musiche di Mike Oldfield). Questo… E Poi? Tutti con il naso all’insù osservano l’infinito spazio e sognando nuove conquiste di pianeti e stelle sempre più lontane.

L’umanità in questi cinquant’anni dal primo allunaggio di balzi – tecnologici, politici, sociali – anche grazie a quegli uomini e a quelle missioni straordinarie, ne ha fatti moltissimi. In seguito al successo riscosso al Museo Civico di Rovereto, la mostra La Luna. E poi? viene allestita in forma ampliata presso la Fabbrica del Vapore di Milano. Prodotta da Eclipse Events, in coproduzione con il Comune di Milano, la mostra è aperta al pubblico fino all’11 gennaio 2020.

E cogliamo l’occasione per augurare Buon Natale a tutti!