Nel cuore del Südtirol, dal 9 all’11 novembre, al Merano Wine Festival per scoprire le eccellenze vitivinicole

Tempo di lettura: 3 minuti

Giunto alla 28esima edizione, il Merano Wine Festival si svolge dal 9 all’11 novembre nella cornice liberty del palazzo Kurhaus nel cuore della provincia di Bolzano. Quest’anno verranno presentate le eccellenze, selezionate dal patron Helmuth Köcher, nel segno della riscoperta del territorio e dei produttori: questa edizione segna il debutto anche di un interessante Fuorisalone.

La manifestazione meranense, dove viene presentata una selezione dei migliori prodotti, che viene premiata con The WineHunter Award Rosso, Gold e Platinum, punta quest’anno sull‘approfondimento di temi quali la sostenibilità, l‘innovazione e il vino al femminile, riscoprendo anche sotto un nuovo aspetto la figura di Leonardo Da Vinci, che nella sua passione da ricercatore già nel 1500, come assoluto precursore, si era dedicato a temi quali l’enologia e la ricerca dell’eccellenza nell’ambito vinicolo. La stessa passione che, condivisa anche dal WineHunter Helmuth Köcher, ha portato il Merano WineFestival ad essere palcoscenico di grande prestigio in ambito nazionale ed internazionale sotto il personale motto “Excellence is an attitude”. A Leonardo Da Vinci, il patron dedica uno spazio speciale all’interno della location cuore della manifestazione, il Kursaal del Kurhaus.

Per chi volesse approfondire le proprie conoscenze enologiche con un occhio di riguardo anche al volontariato, all’Hotel Terme Merano si svolgono le Charity Wine Masterclasses, sessioni di degustazioni verticali in collaborazione con aziende vitivinicole di eccellenza e selezionati importatori il cui ricavato viene devoluto come ogni anno in beneficenza.

Da scoprire quest’anno: il Vino in Anfora, WineHunter Area (23 vini), una nicchia che valorizza vini affinati nel modo più antico; Vino in Vulcano, WineHunter Area (28 vini), uno spazio dedicato alle produzioni che rivelano l’intensa energia del territorio vulcanico da cui provengono; la WineHunter Area (330 vini), l’enoteca che offre in degustazione la selezione di vini premiati con The WineHunter Award. E ancora Wine International (83 produttori), un’area dedicata interamente ai vini provenienti dalle migliori aree vitivinicole del mondo e l’Union des Grands Crus de Bordeaux (13 produttori), ambito in cui storici Chateaux propongono in degustazione i loro prodotti più prestigiosi. Da non perdere le New Entries (47 produttori Nord, Centro, Sud e Isole), in Sala Czerny, in cui sfilano le cantine che partecipano per la prima volta a Merano WineFestival, Old Vintage Collections, l’appuntamento con le vecchie annate che porta in rassegna bottiglie con almeno 10 anni di invecchiamento e, infine, Dulcis In Fundo (13 produttori) nel Pavillon des Fleurs.