Soffia un’aria di “rivoluzione” sulle sponde del Garda con “Fish&Chef”

Tempo di lettura: 2 minuti

Dal 6 al 13 maggio sulle sponde del Lago di Garda torna l’appuntamento con Fish&Chef: sei cene gourmet firmate da sei tra i più importanti cuochi italiani detentori di due stelle Michelin. Chef ospiti e chef del Dream Team, animeranno insieme la Rivoluzione della decima edizione.

Cominciare una rivoluzione è facile, è il portarla avanti che sottolinea il carattere dei suoi sostenitori. E di carattere, lungimiranza e perseveranza, in questi dieci anni Elvira Trimeloni, imprenditrice nel settore alberghiero, e Leandro Luppi, chef-patron del ristorante stellato La Vecchia Malcesine, hanno ampiamente dimostrato di averne.

10 stagioni, 90 chef, 54 location, 6800 bottiglie stappate, 4800 kg di carne garronese veneta, 7500 kg di pesce di lago e 500 lt di olio DOP: questi i numeri ai quali si devono aggiungere 19 tra i migliori chef del Lago di Garda, il Dream Team, con le loro 8 stelle Michelin complessive. Sono proprio loro che testimoniano quanto Fish&Chef sia stato il precursore di quel filone seguito poi da altri: la valorizzazione del pesce di lago in chiave gourmet e la promozione delle eccellenze del territorio.

Dall’Evoluzione, tema narrativo dell’edizione 2018, alla Rivoluzione: è questo il pensiero all’origine del viaggio di quest’anno.

“Fish&Chef è fermento creativo che va oltre l’evento. È un movimento, un pensiero, una vera e propria “rivoluzione” artistica. Elvira Trimeloni e Leandro Luppi sono stati pionieri nel dare vita a questo dialogo diretto con il territorio. Primi fra tutti, hanno riportato al centro dell’attenzione le materie prime, e gli chef “imprenditori morali” sono diventati lo strumento attraverso il quale le eccellenze gardesane potessero trovare la loro migliore espressione – spiega Laura Gobbi, project manager. Artigiani della bellezza, gli chef nelle loro cucine sublimano il senso più alto del territorio e dei suoi valori. La “Rivoluzione” di Fish&Chef è un’insurrezione armoniosa che si esprime attraverso l’etica del nutrimento per il benessere e crea in un piatto, l’emozione di un’estetica perfetta.”