Operativa la Veneto Film Commission, buone nuove per il nostro Cinema

Tempo di lettura: 1 minuto

Ci eravamo lasciati cosi: con un progetto promosso dal nostro giornale legato alle Ville Venete assieme alle scuole. Da una parte le Ville mettevano la location mentre dall’altra i ragazzi le idee sotto forma di sceneggiature. Il tutto nell’ambito del Premio costruito a quattro mani con la Fondazione Filmagogia. In questo sistema (presentato anche al Festival di Locarno) sentivamo la mancanza di ciò che oggi finalmente c’è: la Fondazione Veneto Film Commision che con la nomina di presidente e Cda prende corpo ed identità.

A presiderla è stato nominato Luigi Bacialli, giornalista di lungo corso, direttore di Rete Veneta. Con lui il consulente editoriale Giacomo Brunoro, la responsabile di Rai Movie Cecilia Valmarana, l’imprenditore Vittorio Dalle Ore e la ricercatrice dell’Università di Padova Giulia Lavarone.
Con la nomina dei vertici e del revisore dei conti (Massimo Venturato), la Giunta regionale del Veneto ha così completato il percorso costitutivo della Fondazione, sostenuta dalla Regione e aperta alla partecipazione di camere di commercio, imprenditori privati e istituzioni locali.

Una opportunità in più per promuovere progetti e cominciare a dare un po’ di ordine alla filiera delle imprese del settore Cinema in una regione, quella del Veneto, che si presenta senza dubbio come uno dei migliori set naturali al mondo: in uno spazio così contenuto si trovano tutte le ambientazioni possibili ed immaginabili. Dal mare alla montagna fino agli eleganti contesti delle Ville Venete patrimonio di grande pregio che non vede l’ora di essere valorizzato.

Ora contiamo sull’entusiasmo di un gruppo di lavoro che sembra avere proprio le carte in regola per fare un buon servizio al nostro cinema. Al nuovo Cda va in dote un budget di 5 milioni di euro reperiti, come ha ben spiegato l’assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari, grazie ai fondi della Programmazione Por Fesr 2014-2020. Che dire? Buone nuove per il nostro Cinema.

(Daniele B. Pajar)